Albo Pretorio on line

 Albo Pretorio on line

AUTOCERTIFICAZIONE ONLINE

Autocertificazione Online

D.Lgs. n.33 del 14/03/2013

Amministrazione Trasparente

SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

Web Gis

 

Web Gis

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

PEC

Gli indirizzi PEC del Comune

Albo Giudici Popolari

Albo Giudici Popolari

Autolettura dell'acqua

Autolettura dell'acqua

Fatturazione Elettronica

Fatturazione Elettronica

Cambio di Residenza

Cambio di Residenza

Calcolo IMU

Calcolo IMU

Calcolo TASI

Calcolo TASI

IMU Terreni Agricoli

Chiesa della SS. Annunziata (XV-XVII sec.)

Chiesa della SS. Annunziata

È sita subito dopo le prime case del paese sulla destra nel rione omonimo. Edificata secondo alcune fonti già nella prima metà del XV, ma ricostruita ed ampliata dal 1607 al 1622 (Platea della SS. Annunciata, A.d.S. CZ) su inspirazione dei fratelli Giambattista, Gianfrancesco e Lutio d’Orsi, quest'ultimo storiografo e consigliere regio in Sicilia nel 1642.

 I suoi antichi ruderi monumentali sono stati restaurati tra il 2005 e il 2009 dal Comune (PIT 15-POR Calabria 2000/06). Al turista essa è facilmente visibile per il suo alto campanile in stile romanico. Originariamente la chiesa era a tre navate e costituiva un complesso abbastanza imponente, cui era annesso un ospizio per i pellegrini ed un Monte dei Maritaggi per le fanciulle povere (Mons Urso). Vi si insediarono anche, a cavallo del XVI sec., due Confraternite, una sotto il nome omonimo della SS.Annunziata, di cui il citato Gianfrancesco d’Orsi, ne fu a lungo priore fino al 1608, e l’altra sotto il titolo della Madonna del Carmine.

 I molteplici e rovinosi sismi verificatisi nel corso XVII e successivo la abbatterono notevolmente, tanto che agli inizi del XVIII sec. venne ridotta già alla chiesetta oggi visibile, principalmente per custodire il portentoso abside con il suo fastigio architettonico in tufo, dove si trova l'originale soluzione dell'altare maggiore, realizzato nel fondo del presbiterio, in tufo profilato e decorato, scolpito dal maestro scalpellino Antonio Nicoletta da Rogliano (1610). L'importanza di questo altare, unico in Calabria, è costituita dallo stile architettonico che segna il passaggio dall'architettura religiosa a quella civile, che caratterizzerà il Rinascimento Calabrese (S.Valtieri, Storia della Calabria nel Rinascimento, Gangemi Editore, 2002). Per la sua singolarità l'altare è stato oggetto di molti ed approfonditi studi, specie durante il recente restauro summenzionato, diretto magnificamente dagli Architetti Simonetta Valtieri, già Ordinario di Restauro Architettonico, ed Enzo Bentivoglio, già direttore del  Dipartimento PAU nonché presidente Corso di Laurea in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali, entrambi presso la Facoltà di Architettura di Reggio Calabria.

 


Note bibliografiche e pubblicazioni

 

- Ivan Ciacci, La chiesa della SS. Annunziata di Belcastro, Storie di Calabria, Titani Editore – Anno II, n°4, Roma 2018; 

- R.Piccolo, La chiesa di SS. Maria dell’Annunciazione o dell’Annunziata, in becastroweb.com, 2003;

- A.Pesavento,Forme solidali nel ‘600:La confraternita laica dell’Annunziata di Belcastro.,in archiviostoricocrotone.it,2017;

 

Comune di Belcastro

Piazza S.Tommaso d’Aquino - CAP 88050

Tel.0961/932090 - Fax 0961/932189

P. IVA 00297890790

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 3.84 secondi
Powered by Asmenet Calabria